Born in the USA!!!

Good morning people!

Today is an important day for our blog. First of all we are glad to see that the number of visits is increasing, so thank you to all of you!! We are still missing “likes” on Facebook so please, help us to spread the page!!!

Then, as you can understand from the title of this post, we finally decided to permanently convert our blog language to English!! Indeed, after several suggestions (special thanks to Greg, Ivan and Maartje) we realized that it is now time to become 100% international as Brussels is!

And what better way to celebrate this new beginning if not a whole USA evening?

DSCN0819

Now, when you think about USA and food what come to your mind? HAMBURGERS and FRIES!!! Well, the original idea concerned a real barbecue outdoor, but we had to deal with Belgian weather…However, we managed anyway to turn such unhealthy menu into a very nice home made dinner! How?

  1. We went to buy very good Irish meet for the hamburgers. For those of you who lives close to Ambiorix / Shuman you should try this place: JACK O’SHEA http://www.jackoshea.com/brussels-shop.html (here again a special thanks to Greg!)

DSCN0818

  1. We did everything home made: bread, fries and sauces included!!

Ready for the recipes?

Homemade bread for hamburgers (for 8/9  sandwiches)Untitled

  • 500 gr white wheat flour
  • 250 gr durum wheat flour
  • 100 gr butter (the salty one, typical from Belgium)
  • 100 gr water
  • 1 cube of fresh yeast (30 gr circa)
  • 70 gr sugar
  • 40 gr salt
  • Milk, for mixing the dough
  • 1 egg

First of all, you mix the two type of flour in a large bowl. Melt the fresh yeast in 100 gr of mild water, with 50 gr of sugar. Add to the flours the remaining sugar, and the salt, mixing everything. Make a hole in the center of the flours (in Italy we call it ‘fountain’), and pour the melted yeast and its water. Before starting kneading, add in to the bowl the butter that you already cut into small cubes, and finally put the egg. Now you can knead your dough, trying to incorporate the liquid with the solid part. If it’s too sticky, and impossible to knead, add some milk. The final dough has to be perfectly homogeneous  soft, and not chewy. Cover it with a towel, and keep it away from light and windows for at least 1 hour and a half. You’ll see that after this time, the volume is doubled. Now your U.S. Hero Dough is ready to be baked. Divide it into 6/7 small balls, and roll the surface in a dish were you put sesame seeds. Pre-heat the oven at 200 C. Insert the baking pan filled with the first 4 sandwiches (there must be some distance between each sandwich, since in the oven they will grow a lot and they might get attached to each other). They will be ready when their surface is dark golden, and if you immerse a toothpick in the sandwich, the toothpick won’t be wet, and no traces of row dough will appear. Wait until they get colder, then cut them in a half, and fill them with all the things you like!!! Enjoy your meal!!

Mayonnaise sauce:

  • 3 eggs (only the yolk)
  • 250 ml sunflower seeds oil
  • 1 pinch of salt
  • Juice of ½ lemon
  • 1 teaspoon of wine vinegar

Break the eggs one by one. Carefully separate the yolk to the white. Keep the yolks in a bowl with large boards. Add the pinch of salt and the teaspoon of wine vinegar while you already started beating the eggs. Once you obtain a creamy compound, you get to the most exciting and delicate phase: adding the oil. You literary have to add one single drop per time, while you keep on beating the eggs with a whisk. IMPORTANT: While you use the whisk for beating eggs, remember to always beat in the same direction (clockwise, possibly) and with the same intensity. It will take more or less 15 minutes of beating before you finish adding the oil in the bowl. You will see at the end that the compound is now very dense and yellow. When the last oil drop will be dropped into the bowl, your homemade mayonnaise will be ready! You can cover it with an aluminum foil and keep in the fridge for half an hour before using it. You can conserve it in the fridge for 3 days, but I guess your mayonnaise won’t survive more than 5 hours!!!

Fries: 

Cut very very thin the potatoes (it is perfect to use the peeler!) then fry them into sunflowers seeds oil. They should become very crunchy!

DSCN0816

Additional ingredients: 

You can add to your hamburger what you like:

  • many different kinds of cheese (We had Gouda and Gorgonzola cheese)
  • salad and rocket ( to be at least a bit healthy)
  • other vegetables (we made roasted mushrooms)
  • Here in Belgium you can also find very nice Mustard sauces!
  • For those of you who are not allergic like me to onions you can even include caramelized onions (for doing this just cook the cut onions with a bit of sugar and balsamic vinegar)
  • Finally, for a proper USA hamburger, you cannot forget the fried bacon!!!

Now, do you want to see the final result? Here you have it:

Clipboard02

 Some suggestions:

  • Coke and Beers are the best drinks to swallow this menu. In this case the beer was of course made in Belgium!!!
  • Eat the meal listening proper USA music, if a bit trash it will be even more fun! (We actually finished the evening listening Mila&Shiro and De Andre’, thus, be careful because the combination of American food and Belgian beers can be dangerous!)
  • After the dinner, if you are too stuff for further beers or food (and you will, believe me), just lay on your couch and watch ‘The Avengers’, or the most recent ‘Olympus has fallen’, or, if you have more classical taste in movies as I do, go for ‘Some likes it hot’, the masterpiece from Billy Wilder with the legendary Marilyn. Just to keep the U.S. mood turned on!

 

A fish soup that smells like home…

As promised here are the results of a sunny morning at Clemenceau!

As we told you yesterday, when in Brussels it’s not raining, it could worth having a trip to the Clemenceau Market (right after the Midi Station). On Saturdays, there is a wholesale market that reminds me of those ones I used to go with my father in my city when I was a child. Crowded, noisy, colorful, with an outstanding amount of all sort of food displayed in the benches. There, you can find the best fishmongers of the city, and get the ingredients for the best fish soup you’ve ever had. If you were born, like I was, nearby the seaside, the soup will smell like ‘home’. If not, you’ll enjoy having a meal imaging to be seated on the dock of a south-Italian bay…

zuppa3

Ingredients for a fish soup that smells like home (3/4 people)

  • 300 gr. fresh squid rings
  • 300 gr. little squids
  • 300 gr. prawns
  • 600 gr. tomato sauce (if you can’t find real tomatoes, you can buy those cans with entire tomatoes, and then follow the procedure for making a real tomato sauce)
  • Half onion
  • 3 cloves of garlic
  • extra virgin olive oil
  • fresh parsley
  • black pepper

zuppa1

There we go with the preparation. In a medium-sized pan, verse three spoons of olive oil, the cloves of garlic (without peel), the half onion you already chopped in small, thin slices. Let the oil warm a bit with, acquiring the tasty aroma of garlic and onion. Don’t let it fry, or your tomato sauce will taste as burned oil. Add the whole can of tomato sauce, plus half a glass of water, with a pinch of sugar (for contrasting the natural acid taste of tomatoes). Stir the sauce for a while, and then cover the pan with a lid. Check that the flame is not too high, then let it cook for 20 minutes. In the meanwhile, you already cleaned and washed prawns, squid rings and squids. Put the squids first, then add the squid rings after 5 minutes, and the prawns as last ones. Stir, and grind some black pepper in the sauce, chopping as well some fresh parsley. Now the smell should be absolutely incredible, and all that you wanna do is taste the soup. You should definitely do it, so you check if your ingredients are soft enough (careful, because if squids and squids are still chewy, it means they are half-baked. If prawns are chewy, it means you cooked them too much. This is why you should add prawns as last ingredient!). As you figured out that your soup is finished, and you finally want to devour it, just turn off the flame and add the fresh chopped parsley on the top. Verse the soup in soup plates, and wait one minute before eating it, as it will be extremely hot. Enjoy it with some toasted bread (the best one is those you bought a couple of days before, because if it’s dried, it will get softer once you immerse it in the soup).

 

Clemenceau Market!

Facciamo un attimo un passo indietro dalle ricette, partiamo dagli ingredienti, dove e come sceglierli. Devo dire che questa e’ per me una delle parti piu’ divertenti! In particolare se la spesa la si fa in un mercato come quello di Clemanceau (Clemanceau metro station, subito dopo Gare du Midi!), che pare essere il piu’ grande di Brussels, e in un Sabato di sole come quelli delle ultime settimane.

DSCN0781

Ovviamente non potete andare li’ pensando di trovare piccoli produttori biologici, questo e’ un mercato etnico, immenso, dove potete trovare verdure e radici mai viste, frutta bellissima a basso costo, grandi banchi di olive e spezie, tanta musica, voci, colori e soprattutto ottimi banchi di pesce. Per chi gia’ conoscesse il mercato di Midi (a presto un post anche su quello), il mercato di Clemenceau e’ molto simile solo piu’ grande, un po’ meno caotico, e con una qualita’ un po’ piu’ alta a mio avviso rispetto a quella di Midi anche se qui non ho visto ne’ banchi di formaggi, ne’ banchi di carne!

DSCN0780

DSCN0782

Image00001

Una cosa pero’ su cui voglio attirare la vostra attenzione e’ questo banco di pesce con annesso micro ristorantino sulla strada! Quando si passa li a fianco c’e’ un profumo sensazionale e i piatti hanno un aspetto meraviglioso! Purtroppo Sabato scorso non mi sono potuta trattenere e mi vergogno a dirlo ma in 2 anni di permanenza a Brussels non l’ho ancora mai provato ma credo che succedera’ molto molto presto! Qualcuno di voi c’e’ stato? Se si fateci sapere com’e’..

DSCN0784

DSCN0785

A presto con la ricetta della zuppa di pesce from Clemanceau!!

Happiness is homemade: insalatina primaverile…from Brussels with love!

CONTEST

http://thedreamingseed.blogspot.it/2013/04/happiness-is-homemade-il-mio-primo.html

Eccoci qui…il nostro primo contest ufficiale..che emozione!! Ma come non farsi convincere con un titolo come questo? Happyness is homemade…sembra il nostro motto! Le regole base per parteciparvici sono semplici: preparazione che richieda meno di 30 minuti, stagionalità e filiera corta dei prodotti usati, e idee originali!!

La ricetta è venuta da se..un insalatina..fresca, primaverile, ideale per queste prime giornate di sole, velocissima da preparare ma, allo stesso tempo, di grande soddisfazione sia per un elegante antipasto se avete ospiti a cena sia come piatto unico se tornate a casa tardi e non sapete cosa prepararvi di buono! Non si tratta infatti di un insalatina triste e priva di gusto, tutt’altro!

Image00009

DSCN0790

Ovvimente nel nostro caso gli ingredienti sono si a km zero ma..essendo noi a Brussels sono prodotti belgi!!!

Vi ho incuriosito? E allora eccovi gli ingredienti:

  • Rucola (agricultura bio) / Rocket
  • Ravanelli (agricultura bio) / Radishes
  • Pinoli / Pine nuts
  • Uvetta sultanina / Raisins
  • Mostarda belga / Belgian mustard
  • Milele al timo locale / thyme honey
  • Formaggio tenero di chevre belga / soft goat cheese
  • Sale al rosmarino / Rosemary salt
  • Olio extravergine d’oliva (questo, dobbiamo ammetterlo, viene da casa nostra, in Italia..quando ci vuole ci vuole!) / Extra virgin olive oil 

Brussels ha la fortuna di essere piena di mercatini locali dove potrete trovare ogni genere di delizia locale e biologica. Alla fine di rue Charles Quint per esempio, zona Ambiorix, il venerdi pomeriggio ce n’è uno bellissimo con un intero banco di formaggi e yogourt biologici dove potrete trovare lo chevre di questa ricetta, ne serve uno cremoso ma non troppo morbido. Sembra allo stesso mercato c’è anche uno dei miei banchi di pane preferiti…ma simili prodotti li trovate anche a Chatelain in mercoledi pomeriggio ed in quel caso potrete approfittarne per restare li fino a tardi in compagnia di amici e di una buona bottiglia di vino! Ancora, un altro mercato molto interessate è a Flagey il sabato mattina! Insomma…avete l’imbarazzo della scelta.

DSCN0786

Prearazione: Lavate ed asciugate con cura la rucola facendo attenzione a tagliare i gambi più grossi e duri. Mettetela in una ciotola assieme ai ravanelli precedentemente lavati e tagliati a listarelle sottili, l’uvetta e i pinoli fatti prima tostare in padella. A questo punto preparate l’emulsione per il condimento con olio extravergine d’oliva, sale al rosmarino, miele al timo e senape (qui la chiamano mostarda) - se non ne trovate una logale va benissimo anche quella di Dijon. Per le quantità di tutti gli ingredienti, compresi quelli per la salsa, io sono andata ad occhio…vedete un po’ voi. Il miele e la senape solitamente vanno in parti quasi uguali. Condite l’insalata con l’emulsione, infine preparate i piatti adagiando sopra ogni porzione 2 o 3 fettine di formaggio di capra fatto scottare leggermente in padella o nel forno. Importante: per il formaggio bastano davvero pochissimi minuti, non deve essere fuso!

Wash and dry the rocket, making sure to cut the stems thicker and hard. Put it in a bowl along with radishes previously washed and cut into thin strips, raisins and roasted pine nuts. At this point, prepare the emulsion for the dressing with extra virgin olive oil, rosemary salt, thyme honey and mustard. For the quantities of all the ingredients, including those for the sauce, I did with approximation, depending by your personal taste. However, the honey and mustard usually go in almost equal parts. Season the salad with the emulsion and finally prepared dishes serving over each portion 2 or 3 slices of goat cheese made ​​lightly sear in a pan or in the oven. Important: For the cheese really enough a few minutes, should not be cast!

Buon appetito e incrociate le dita per noi per questo contest!!!

 

 

Dille&Kamille…un angolo di paradiso!

generale

Che dire…ci sono posti al mondo dove ti senti in pace con te stessa, dove ogni brutto pensiero svanisce e torni una bimba serena e spensierata con un sorriso costantemente stampato sulle labbra. Ecco,  per me uno di questi posti a Brussels è Dille&Kamille, zona Louise. Si tratta di un vero e proprio angolo di paradiso dove è possibile trovare anche i più impensati utensili da cucina oltre che piante aromatiche, piantine per i balconi, attrezzi da giardinaggio, tea, caffè, spezie, grembiuli e canovacci, bon bons, giochi per i bambini, cose per il vostro bagno e per il vostro corpo, olio, vino, marmellate, mieli, pentole per ogni necessità, vasi e vasetti di vetro, splendide tovaglie e tovaglioli…insomma..tutto ciò che avete sempre deiderato a prezzi più che onesti. Ma come si fa a non essere felici???

Oggi per esempio ho deciso di uscire da lavoro un po’ prima, avevo bisogno di un vaso /contenitore particolare in vetro e sono andata lì…bhè..ovviamente sono uscita con qualche piccolo regalino in più oltre al vaso…

generale2

ma come facevo a non prendere queste stupende formine per biscotti a forma di teiera per fare un perfetto rituale “tea e biscotti”?

stampini 2

Oppure le marmellatine di mele e cannella e di fichi…non si poteva proprio resistere giusto??

marmellate1

E allora a presto con tante buone ricettine per un perfetto tea delle 5.00pm!!

E se nel frattempo volete anche voi andare a fare una visita a questo paradiso terrestre..http://www.dille-kamille.be/fr/

A Sunny Sunday’s Brunch

Immagine

Maybe we risk getting a bit boring with this issue of the weather in Brussels. But how couldn’t you celebrate properly the first sunny and warm Sunday of the month? And you know, for Italians every tiny occasion worth a special meal celebration… Therefore, we decided to welcome Her Majesty the Sun with a spring brunch set up on a floral table… We started with salty crepes filled with baked ham and cheese, a ‘Danubio’ (soft brioche filled with bacon and cheese), bagels with salmon and Philadelphia, a fresh Mango smoothie with lemon juice and yogurt, Dutch ‘Pannekoeken’ with apples, Swedish cinnamon rolls and organic apple juice. Easy, healthy, yummy and cheap. What can you ask more?

Some tips for reproducing your own home made Sunny Sunday’s Brunch:

 DSCN0726

SALTY HAM&CHEES CREPES (for 7/8 crepes)

  • 3 eggs
  • 50 gr flour
  • 1 pinch of salt
  • 400 ml of whole fat milk
  • 250 gr baked ham
  •  200 gr Gouda cheese
  •  black pepper
  • 1 tb spoon of olive oil
  • 10 gr butter for the frying pan

Salty Crepes: making of

Merge three eggs with half of the milk, until you obtain an homogeneous and liquid cream. Start sifting the flour , one spoon per time, and after each spoon of flour sifted, add few more milk. Follow this procedure until you finish flour and milk. The result is a creamy mixture, not too liquid, nor too dense. You add a pinch of salt and a drop of olive oil ,while you put your frying pan on the fire, after having left a small piece of butter in it. You wait for the butter to be melted, and the surface of the pan starting frying, than you use a table spoon for pouring the mixture in the pan. For a 20cm diameter pan, you may need to add  3-4 tb spoon of mixture in the pan. Be sure that the mixture cover completely the surface of the pan, then put it on the fire and wait until the crepe start getting solid. As the crepe separates from the pan’s edge, use a slice for gently turning the crepe to the other side. The surface of the cooked side has to be golden, but not too brown, or the crepe will be crispy and dried. When the second side is cooked as well, put the first crepe on a plate, and start with the second one! It might seem difficult, but it won’t take too much time, I swear! Well, now the yummiest part has finally come. Cut the Gouda cheese into thin slices. Do the same with the ham. Mix the two things together, and fill the first crepe with it. Roll the crepe, trying to not break it, and put it in a baking pan. I used a glass baking pan, as I don’t have a normal oven, but only a microwave (that always surprises me! Therefore, for those whose landlords don’t believe that a real oven is a necessary equipment in a normal kitchen, just don’t desperate and use the microwave instead, it will give you the same results!).

DANUBIO (DANUBIO BRIOCHE)

Ingredients

  • 400 gr flour type ’00′ (we used ‘Mulino Chiavazza’, you can find it even here in Belgium!)
  • 70 gr butter
  • 1 cube fresh yealts (30 gr)
  • 250 ml mild milk
  • sugar
  • salt

Danubio: making of

The procedure is the same as for a normal pizza dough. You melt the fresh yeast in a cup with ome mild water and a spoon of sugar. In a big bowl, you put the flour, the salt. the remaining sugar, and the butter previously cutted in small cubes. You verse then the melted yeast in the bowl, and start amalgamating all ingredients slowly, adding the milk as well. Try to incorporate the liquids with the flour, and don’t stop working on the dough till all the ingredients will be perfectly thickened. It will takes around 15 minutes of hard hand work before you get a proper dough, which will look like a ball, soft but not sticky. If it’s too sticky, just add few more flour. If it’s too dense and you can’t handle it properly, just add some more milk while you knead, and keep on moving your hands! As you get the soft-but-not-sticky-ball, just cover it with a canvas and put it away from direct light, possibly inside the oven (switched off, indeed!). You’ll have to wait one hour and a half before your dough grows. As the ball will be doubled in its volume, your Danubio dough is ready. As you have not wasted your time while you were waiting for your dough to be ready, you have already prepared all the fillings, with the cheese cut and the poppy and sesam seeds ready in a dish. You start taking little pieces of your dough, making little balls with your hands. Just in the middle, you put some cheese, and then enroll it inside the dough. Spin the little balls in the seeds (you can choose whatever you like), then put them in a baking pan. All the balls have to be close to each others, as you can see from the final result in the picture below. Once you finished the filling and your baking pan is full, put it in the oven at 170°. Let it cook for around 35-40 minutes, and when you see tha the surface is golden (not too brown!), just switch off the oven and take it out. You will not need to cut it, as every single ball will come away once you pick it. Eat them when they’re still warm, and the cheese inside will be still melted.

DSCN0724

A good idea for saving time and for making 2 recipes within 1 work is to use the same dough for doing also nice sweet Bread/Brioches. You can divide the dough in two, one for the salt danubio and one for the sweet brioches. In this case we made a sort of swedish kanelbullar.  For the seet dough you can add to the past around 100 g of sugar. When the dough is ready, roll it out to a thickness of 1 cm, then scatter it with cinnamon, sugar and small pices of soft butter. At this point roll the dough loosely obtaining a sort of sausage and then cut it into slices of 3 cm. Now is time to put everything in the oven untill the rolls will be golden (around 20 min.). It is better to wait untill they are cool. Enjoy!!!

DSCN0730

Calamari alla Lampedusana

DSCN0756

Incredibile…cielo azzurro e sole splendente a Brussels..è durato solo un istante..un breve attimo ma è stato un attimo perfetto, anzi, una domenica perfetta! Confidiamo si ripeta domenica prossima, nel frattempo, riguardando questo foto, mi è venuto in mente che non ho ancora postato una ricettina che sa fortemente di mare ed estate e di sole. Arriva diretta diretta da lampedusa..certo leggermente rivisitata e sicuramente senza lo stesso sapore di mare ma..comunque buonissima.

Ammetto che i calamari e le seppie non sono tra i miei piatti forti, ho sempre paura che diventino duri o gommosi ma in realtà cucinarli è facilissimo e il costo è limitato, cosa che non guasta mai. Noi per 2 mega calamaroni (per 4 persone) abbiamo speso 8€, più che fattibili direi, e se poi chiedete al vostro pescivendolo di pulirveli..bhè..non sarà nemmeno troppo faticoso prepararli. Di cosa sto parlando? Dei CALAMARI RIPIENI ALLA LAMPEDUSANA

DSCN0591

Sembrano più difficili di quanto siano in realtà. Partiamo:

  • 2 calamari medio grandi puliti
  • uvetta
  • pinoli
  • prezzemolo
  • ricotta salata dura
  • parmigiano grattuggiato
  • pangrattato
  • 1 uovo
  • vino bianco
  • 2 Medium/ Large Squids
  • Raisins
  • Parsley
  • Salty ricotta
  • Pine nuts
  • Grated Parmesan Cheese
  • Bread crumbs
  • 1 egg
  • White wine

DSCN0580

Dunque…iniziamo…tagliate a piccolissimi pezzettini i tentacoli e le “ali” del calamaro e metteteli in padella senza nulla aspettando che rilascino tutta la loro acqua. A questo punto unitevi un po’ d’olio e fateli soffriggere qualche minuto. Nel frattempo preparate il resto del ripieno con 4, 5 cucchiai di parmigiano grattuggiato, pangrattato, ricotta salata o caciotta tagliata a pezzettini, prezzemolo, pinoli e uvetta. Le quantità di questi ingredienti dipendono dal vostro gusto personale e dalla dimensione dei calamari. A questo punto unite al ripieno anche i pezzettini di tentacoli precedentemente passati in padella, amalgamate il tutto con un uovo e imbottite i calamari! Una volta pieni chiudeteli con uno stuzzicadente e..voilà, il gioco è fatto! Ora avete 2 alternative: potete cuocerli in padella con un po di sugo oppure, come ho fatto io, farli andare in forno con un bicchiere abbondante di vino bianco, coperti da una stagnola di modo che non si secchino. 180° per 30-40 minuti sempre a seconda della dimensione dei calamari. Poi provate a sentire con una forchetta quando sono teneri.

So guys…we can start! You have to cut into small pieces squid’s tentacles and “wings” putting them in a pan, until their natural water had been released.  After this steps, add oil into the pan, letting them frying for few minutes. Meanwhile, you can prepare squid’s stuffing with: 4-5 spoons of grated parmesan cheese, bread crumbs, salty ricotta, parsley, raisin and pine nuts. Quantities of these ingredients depend on your personal taste and squid’s size. At this point add the pieces of tentacles previously cooked in the pan into the stuffing, mix them well together with an egg and finally stuff the squids! Once filled, close them with a toothpick and … voilà, les jeux sont faits! At this step you have two choices: you can cook them in a pan with a bit of tomato sauce or, as I did, you can put them in the oven adding a glass of white wine, covering them with aluminum foil so they do not dry out. Cook them at 180 ° for 30-40 minutes, but remember that baking time always depends on squids’ size (and on your oven’s capacity!). As a last step, insert a fork inside squids. If the fork go inside them easily, they are ready!

DSCN0594

Ovviamente un piatto così va accompagnato come si deve, e non parlo solo di un buon bicchiere di bianco, parlo anche di un contorno appropriato. Vi lascio quindi con un’altra ricettina interessante nel caso vi avanzi un po’ del ripieno dei calamari e non sappiate cosa farne:

  • 3 patate grandi bollite
  • 500 g di spinacini freschi bolliti
  • il ripieno avanzato dei calamari
  • un aggiunta di uvetta e pinoli

Fate rosolare il tutto in padella con un po’ di sale e di olio per alcuni minuti affinchè i sapori si mescolino alla perfezioni e le patate facciano un po’ di crostici! Da servire tiepido.

DSCN0593

Aspettando la primavera..

DSCN0589

Ma quanto buoni sono gli asparagi??Io da buona veneta li adoro! C’è chi dice che non hanno gusto ma chi lo dici non ne ha mai mangiati di buoni!! E poi sono poco calorici e..sanno di primavera, di tepore, di fiorellini che sbocciano e uccellini che cantano. To be honest mangiandoli qui a Brussels bisogna avere molta fantasia per vedere o sentire tutto questo ma..restano comunque buonissimi!

Uno dei piatti più tipici da fare con gli asparagi è sicuramente il risotto ma avevo voglia di un’alternativa al classico normale risotto con gli asparagi e cosi..Benedetta Parodi mi ha ispirato! Ebbene si..Fino a poco tempo fa (ora lo hanno tolto purtroppo), si poteva vedere La7 anche da Brussels e capitava che, quelle rare volte che tornavo prima delle 8 a casa dal lavoro, mi mettessi a guardare Benedetta aspettando il tg da buona italiana. In una puntata lei ha poposto questo risotto con asparagi verdi e burrata…mi ha subito convinto!  Il mio problema è che decido le ricette sempre all’ultimo e cosi mi sono messa di sabato sera all’ultima ora a cercare a Brussels una burrata..missione impossibile! Le avevano finite anche dal mio negozietto italiano di fiducia (Vi svelerò presto dove si trova). Ovviamente abitando all’estero e volendo proporre ricette italiane questi problemini capitano spesso percui bisogna essere flessibili a abili ad adattare le proprie idee al posto in cui ci si trova! E cosi..il risultato finale è stato un buonissimo RISOTTO AGLI ASPARAGI VERDI E MOZZARELLA DI BUFALA che vi dirò è forse stato anche meglio perchè la ricotta di bufala ha un gusto più forte e deciso che dà un certo sprint al piatto. IMPORTANTE: evitate le mozzarellla di bufala del Delheze o di qualsiasi altro supermercato, sono terribili. Se la si deve mangiare una volta che sia quella buona giusto? anche se costa un po’ di più. Io le ho prese sempre dal mio negozietto di fiducia ma in quasi tutti i mercati ci sono spesso banchi di prodotti italiani in cui potete trovarne di buone.

  • 2 mazzi di asparagi verdi sottili
  • 2 mozzarelline di bufala
  • una noce di burro per mantecare
  • prezzemolo
  • riso arborio o carnaroli
  • vino bianco per sfumare
  • sale e pepe

DSCN0590

Il procedimento è quello di un classico risotto: pulite, lavate e lessate gli asparagi, dividete le punte dai gambi. Frullate i gambi con un po’ d’acqua di cottura degli stessi asparagi e un po’ di sale, le punte invece tagliatele in piccoli pezzetti e mettetele a soffriggere con un po’ d’olio nella pentola dove poi unirete anche il riso. Essendo io allergica alla cipolla evito il soffritto ma voi siete liberi di farlo ovviamente! Tenete da parte 2 o 3 punte per decorare. Unite il riso alla maggior parte delle punte che stanno soffriggendo con l’olio, quando il riso sarà tostato sfumate con un mezzo bicchiere di vino bianco, l’altro mezzo, se si tratta di un buon vino, io vi consiglio di bervelo durante l’esecuzione della ricetta :)

Portate avanti la cottura del riso con l’acqua in cui avete precedentemente lessato gli asparagi e a cui avrete unito 1 dado per darci un po’ più di sapore. Quando il riso è cotto togliete dal fuoco, aggiungetevi un po’ di prezzemolo, i gambi frullati e infine mantecate con una noce di burro. In ultimo, proprio prima di servire, spezzettate dentro la mozzarella e pepate a piacere!

In alternativa alla mozzarella di bufala io proverei anche con la ricotta al forno grattuggiata sopra..se qualcuno di voi decidesse di provare questa variante mandatemi foto e giudizi e saranno pubblicati!!

Buon Pranzo

Buona Pasqua a week in delay!

So bene che avrebbe senso postare le ricette per il pranzo di Pasqua PRIMA di Pasqua in modo da darvi qualche ispirazione, ma..meglio tardi che mai giusto? E poi quella che vi sto per proporre è una ricettina che può andare bene tranquillamente in qualsiasi momento quindi perchè non riproporla domani o qualsiasi altra domenica? Io la consiglio anche per un Brunch o per un antipasto con gli amici accompagnata da un buon calice di vino! Premessa: è una ricetta facilissima e se volete anche un po’ banale come accostamenti ma..come ho già detto spesso la semplicità è garanzia di bontà!

Questa ricetta nasce, come spesso accade, dalla mancanza di alternative. La nostra idea era di creare un antipastino con le uova di quaglia che io adoro. Purtroppo però la missione è fallita, non le abbiamo trovate! Domenica mattina ci siamo svegliati non solo senza uova di quaglia ma con un solo uovo di gallina in frigo visto che tutti gli altri erano stati usati per altre mille ricette. che fare? Un pranzo di Pasqua senza antipasto e, soprattutto, senza uova…orrore! Panico…pensa silvia pensa…ed ecco la soluzione!

DSCN0584

CROSTONI CON BRICIOLE DI UOVO SODO, OLIO TARTUFATO E SCAGLIE DI PARMIGIANO

  • 1 uovo sodo per 4 costoni
  • olio al tartufo
  • parmigiano
  • sale e pepe

Non vi resta che comporre il piatto: Io avevo del pane di campagna comprato al mercato, l’ho leggermente abbrustolito in forno e ho tagliato ogni fetta in 2. Poi ci sbriciolate sopra l’uovo sodo, un filo di olio tartufato (fate attenzione a non metterne troppo), un po’ di sale e pepe e infine qualche scaglia di parmigiano! Per chi non lo avesse ancora provato per creare delle perfette scaglie di grana io suggerisco di utilizzare il pela patate cosi eviteranno di rompersi, non distruggerete il vostro grana e soprattutto saranno perfettamente sottili!

La colazione dei campioni

IMG_0326

Quanto è vero che le cose più semplici sono spesso le più buone! Con l’arrivo della primavera (ancora molto lontana ma a noi ci illudiamo e ci crediamo) i frullati diventano immancabili amici. Veloci, buonissimi, sani, nutrienti..ideali per grandi e piccini per colazioni veloci, per spuntini di metà mattina da portare in ufficio o per ottime merende! Ovviamente ce n’è di tutti i tipi, basta usare un po’ di fantasia e seguire i propri gusti. Quello che vi voglio proporre oggi non è proprio tra i più dietetici ma di mattina tutto è concesso giusto? E poi provate a pensare all’abbinamento tra banana, cioccolato e caffè..come si fa a resistere??

IMG_0327

  • 2 banane
  • latte (fino a coprire per 3/4 le banane)
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • 1 cucchiaino di cacao in polvere (al latte o fondente a piacimento)
  • mezza tazzina (anche qui quantità a piacere) di caffè di moka non zuccherato

Mettete tutto nel frullatore e…buon inizio giornata!